AmbienteArteAttualitàIn evidenza

Massimo Agus conclude la II edizione di 12X12 con il progetto “Entrata-Uscita”

Tutto pronto per la III edizione dedicata ai fotografi passeggeri

Giunge al termine la II edizione di 12X12, un progetto di Autolinee Toscane realizzato con la collaborazione del festival Cortona On The Move. A concludere questi 12 mesi troviamo il lavoro fotografico di Massimo Agus intitolato “Entrata-Uscita“, che esplora la dinamica umana nel capoluogo toscano attraverso l’obiettivo della fermata dell’autobus.

Partendo dall’idea di immedesimarsi nello sguardo del passeggero, l’autore descrive l’autobus non soltanto come un semplice mezzo, ma come un “passaggio” dal fuori al dentro (e viceversa), un confine tra due spazi che conduce a una nuova dimensione. “Le entrate e le uscite, le porte che si aprono e si chiudono, segnano lo spazio e il tempo di questo incontro tra il bus e la città di Firenze” spiega il fotografo.

Con “Entrata-Uscita”, Massimo Agus ci invita a osservare il mondo con occhi nuovi, a percepire la città e i suoi abitanti in modo più intimo e riflessivo, cogliendo la bellezza e la complessità delle interazioni umane che avvengono quotidianamente nelle fermate degli autobus.

Massimo Agus, nato a Cagliari nel 1948, si laurea in Architettura a Firenze e dal 1987 vi risiede. Specializzatosi nella fotografia per lo spettacolo, ha collaborato con compagnie teatrali e festival internazionali, esponendo a New York, Firenze, Mosca e Lisbona. Ha insegnato Fotografia in diverse istituzioni e fondato il Centro per la Fotografia dello Spettacolo e il festival Occhi di Scena. Ha diretto il festival CiternaFotografia e co-curato il volume “Fotografia e Teatralità” nel 2008. Dal 2014 al 2021 è stato direttore del Dipartimento Didattica della FIAF.

Gli scatti di Massimo Agus sono pubblicati a partire da oggi sul profilo Instagram @at_toscana.

È tutto pronto per la III edizione di 12X12 che nei prossimi 12 mesi, per la prima volta, coinvolgerà i passeggeri appassionati di fotografia, individuati a seguito dell’open call conclusasi il 30 giugno. I selezionati avranno la possibilità di sviluppare un progetto personale sul trasporto pubblico con il supporto di tutor italiani e internazionali scelti da Cortona On The Move. Nella II edizione del progetto hanno partecipato autori di prestigio come Massimo Vitali, maestro contemporaneo di fama mondiale, Sabine Korth, autrice del progetto “Orizzonti Interni”, Daniela Tartaglia, nota per la sua esplorazione fotografica dei luoghi dell’infanzia versiliesi, e Lucia Baldini, che ha messo al centro le storie di alcune delle donne autiste dei mezzi di Autolinee Toscane nella provincia di Arezzo.

La collaborazione tra Autolinee Toscane e Cortona On The Move trova ampio spazio anche durante il festival che inaugurerà tra pochi giorni, giovedì 11 luglio, a Cortona. Qui, tra le 22 mostre in programma, visitabili fino al 3 novembre, sarà esposto il progetto dedicato ai cosplayer di Niccolò Rastrelli They Don’t Look Like Me, ideato e realizzato in partnership con Autolinee Toscane e in collaborazione con Lucca Comics.

Il festival internazionale di fotografia Cortona On The Move si svolge dal 2011 in Toscana a Cortona, in provincia di Arezzo. Protagonista della produzione fotografica a livello internazionale, il festival è un riferimento per fotografi, curatori, autori, critici, oltre che per il pubblico. A ogni edizione Cortona On The Move porta avanti una ricerca sull’evoluzione del linguaggio fotografico e privilegia sempre più̀ la produzione e la realizzazione di contenuti originali e inediti. La 14ª edizione di Cortona On The Move si svolgerà dall’11 luglio al 3 novembre 2024. Cortona On The Move nasce ed è prodotto da Associazione Culturale ONTHEMOVE, il cui obiettivo è diffondere e promuovere la fotografia contemporanea. cortonaonthemove.com

Autolinee Toscane dal 1° novembre 2021 gestisce il trasporto pubblico locale su gomma della Regione Toscana. Uno degli obiettivi di Autolinee Toscane è quello di coinvolgere la comunità degli utenti e far cambiare la percezione del trasporto pubblico, grazie anche alla collaborazione con realtà artistiche che poco hanno a che fare con il servizio dal punto di vista tecnico, ma che possono dare un punto di vista inedito a questo racconto. at-bus.it/it

Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
×

Ciao!

Fai clic su uno dei nostri componenti dello staff di seguito per chattare su WhatsApp o inviaci un'e-mail a redazione@ugualmenteabile.it

× Come possiamo aiutarti