DisabilitàSalute

Giochi ‘su misura’ per i piccoli dell’area pediatrica

Grazie al progetto “In gioco per la pediatria”, gli alunni del NABA, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano hanno realizzato dei giocattoli co-progettati con i pazienti dell’area pediatrica dell’ASST Gaetano Pini-CTO per permettere loro di continuare a giocare anche durante il ricovero

Milano, 18 marzo 2019 Un cannocchiale per le storie della buonanotte per i bambini immobilizzati a letto, una scatola delle lettere per comunicare con i pazienti delle varie stanze, un gioco da tavola per inventare ricette e un gioco di costruzione con scimmiette di legno. Sono i giocattoli migliori realizzati dagli studenti del Triennio in Design di NABA per i bambini dell’area pediatrica dell’ASST Gaetano Pini-CTO, nell’ambito del progetto “In gioco per la pediatria”.

L’iniziativa è parte integrante del corso avanzato di Product Design del Triennio, tenuto dal prof. Alessandro Garlandini, tra ottobre 2018 e febbraio 2019, durante il quale gli studenti hanno progettato dei giocattoli pensati appositamente per la ludoteca dell’area pediatrica del Presidio Pini. Come spiega Garlandini: “Gli studenti hanno intrapreso un percorso di co-progettazione dei giochi con i bambini, i ragazzi e i genitori in pediatria che sono stati intervistati più volte per comprendere meglio le loro esigenze in un momento critico come quello del ricovero”.

Oltre a coinvolgere i bambini e le loro famiglie gli studenti NABA si sono confrontati anche con il personale ospedaliero per comprendere meglio la vita in reparto: “Tra i progetti più interessanti, un cannocchiale stampato in 3D per le storie della buonanotte per i bambini immobilizzati a letto, una scatola delle lettere per promuovere la socialità tra i pazienti delle varie stanze, un gioco da tavola per inventare ricette sorprendenti e un gioco di costruzione di una torre di scimmiette di legno”.

I progetti così ideati e realizzati sono diventati dei giocattoli che oggi sono stati presentati  al personale dell’ASST Gaetano Pini-CTO e che hanno superato l’esame più importante: donare un momento di svago ai piccoli pazienti.

Abbiamo sostenuto questo progetto – commenta il dott. Francesco Laurelli, Direttore Generale dell’ASST Gaetano Pini-CTO perché è molto importante per i nostri piccoli pazienti, più che per gli adulti, avere degli strumenti di svago per trascorrere al meglio il periodo di cure. Affrontare con maggiore serenità il ricovero, infatti, diminuisce i tempi di degenza. Questi giochi, pensati appositamente per i piccoli pazienti, aiutano a rendere meno traumatico il periodo trascorso nella nostra struttura”.

L’Azienda Socio Sanitaria Pini-CTO, punto di riferimento per l’ortopedia, la riabilitazione specialistica, la reumatologia e la neurologia, a livello nazionale, comprende a Milano tre presidi ospedalieri: il Gaetano Pini, il CTO e il Polo Riabilitativo Fanny Finzi Ottolenghi. L’ASST Gaetano Pini-CTO – evoluzione della Scuola Ortopedica milanese nata nel 1874 – è specializzata in patologie e traumi dell’apparato muscolo-scheletrico, reumatologia e fisiatria. L’Azienda accoglie ogni anno 823mila utenti e i suoi specialisti lavorano con le più sofisticate tecniche di imaging, attraverso sale operatorie sia convenzionali sia dotate di robotica, l’ASST Gaetano Pini-CTO è centro erogatore per la presa in carico dei pazienti cronici nell’ambito delle patologie reumatiche e della Malattia di Parkinson.

Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
Chiudi

Rilevato Adblock

Per favore considera di supportarci disattivando il tuo ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: