fbpx
AttualitàLavoroParità di genere

Pride: la cultura dell’inclusione entra in azienda

Indeed: celebrare inclusione, uguaglianza e diritti LGBTQI+ sta diventando consuetudine per le aziende italiane. 6 datori di lavori su 10 sono attenti all’appuntamento.

Che le aziende facciano di più in materia di tutela dei diritti LGBTQI+ è un’esigenza molto sentita dai lavoratori

Ogni anno, in migliaia di città in tutto il mondo, il Pride e le celebrazioni del mese di giugno richiamano l’attenzione sui diritti della comunità LGBTQI+. Un fenomeno che coinvolge sempre di più anche il mondo del lavoro. È quanto emerge da uno studio condotto da Indeed – portale numero uno al mondo per chi cerca e offre lavoro – che ha preso in considerazione circa 500 recruiter e 1000 lavoratori italiani.

Pride, dunque, non solo come appuntamento nelle principali città italiane, ma anche nei calendari aziendali. Più di 6 datori di lavoro su 10 dichiarano di “riconoscere e celebrare eventi che valorizzano e accolgono le diversità, come il Pride”.

Allo stesso modo, il 60% dei lavoratori (con picchi del 64% nella fascia di età tra i 25 e i 34 anni) desidera lavorare per un’azienda che celebri l’uguaglianza e valorizzi la diversità come ricchezza. Del resto, l’85% dei partecipanti al sondaggio ritiene di fondamentale importanza che il proprio datore di lavoro sappia garantire l’uguaglianza e incoraggi le persone a essere veramente se stesse sul posto di lavoro.

Che le aziende facciano di più in materia di tutela dei diritti LGBTQI+ è un’esigenza sentita dai lavoratori. Policy contro il bullismo e molestie (60%) e training “anti-bias” (50%) sono tra gli strumenti ritenuti importanti per la costruzione di una cultura inclusiva.

 Come trovare un posto di lavoro che sia davvero inclusivo e valorizzi uguaglianza e diversità? Anche se non si ha conoscenza diretta della vita all’interno dell’azienda, ci sono alcuni indizi per capirlo prima di accettare un impiego:

  • Rappresentazione della diversità già dal sito web aziendale. La presenza di persone di background, generi e etnie diverse è indicatore dell’attenzione che l’azienda presta al tema;
  • Partecipazione dell’azienda ai Pride o sponsorizzazione di eventi legati alla celebrazione nelle diverse città;
  • Check dell’esistenza in azienda di una policy di pari opportunità per l’impiego.Spesso è indicato sul sito web, ma nulla vieta di chiamare le risorse umane per verificare;
  • Chiedere direttamente in sede di colloquio quali siano gli impegni dell’azienda in materia di diversity & inclusion. Un recruiter di un’azienda impegnata a garantire uguaglianza e parità di diritti saprà rispondere senza esitazione.
Un'eredità che vale una vita
Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
× Come possiamo aiutarti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: