Disabilità

“La malattia si combatte… a colpi di spazzola!”

Francesca e Vicky sono due hair stylist dal cuore grande: hanno riservato cure speciali e una parte del loro negozio alle persone affette da disabilità o da gravi malattie

“A volte basta poco per far stare meglio una persona. Quindi, perché non farlo?” Vittoria, ma a lei piace farsi chiamare Vicky, riassume con queste semplici parole e con uno sguardo intenso la scelta fatta dalla sorella Francesca, proprietaria di un negozio di hair-style a Cassina de’ Pecchi, un piccolo centro alle porte di Milano. Francesca da qualche tempo ha deciso di dedicare una parte del suo spazio di lavoro alle sue clienti “speciali”, che a causa di un handicap o di una malattia hanno bisogno di un angolo di quiete e di privacy per farsi lavare i capelli, o per un taglio, una messa in piega o un po’ di make up.
In questo spazio ha fatto anche installare uno speciale lavatesta a cui si può accedere restando sulla carrozzina.

L’idea è venuta a Francesca constatando le difficoltà di una cliente, costretta sulla sedia a rotelle: il primo passo è stato installare alla porta di ingresso lo scivolo per l’accesso dei disabili.

Ma questo non bastava. Aiutare questa cliente ”speciale” a trasferirsi dalla sedia a rotelle alla poltrona sulla quale è montato il lavatesta era un’operazione scomoda e imbarazzante per la signora, anche perché il negozio spesso è affollato di clienti: ecco allora l’idea di riservare un ambiente protetto, dedicato alle persone che, come lei, hanno bisogno di un po’ di privacy in più. Proprio in questo ambiente è stato appena installato uno speciale lavatesta privo di poltrona, per potervi accedere anche dalla sedia a rotelle, senza bisogno di spostarsi su un sedile diverso.

A questa naturale attenzione nei confronti dei diversamente abili si è poi aggiunta un’esperienza personale, intensa e dolorosa. Racconta Francesca, o Franci, come tutti la chiamano: “Nel 2008 mi è stato diagnosticato un linfoma. Ho dovuto fare la chemio e questo mi ha fatto perdere i capelli e le sopracciglia. Anche se non ho mai sentito la necessità di portare la parrucca, non ho mai smesso di truccarmi e di fare tutto quello che potevo per sentirmi in ordine e per stare bene con me stessa.

Ho capito però che per molte donne il fatto di perdere i capelli è un’esperienza orribile, che non vogliono mostrare a nessuno. Così ho deciso di dedicare questo spazio alle mie clienti particolari, per tutte le cure necessarie alla loro testa o alle parrucche, se scelgono di indossarne una. Spesso anzi le accompagno in un centro specializzato, per sceglierla, per consigliarle o per adattarla poi al loro viso”.

Affrontare la perdita dei capelli è uno degli aspetti più drammatici per chi si ammala di tumore. Spiega Franci: “Alle clienti che arrivano depresse, spaventate e mi confidano la loro angoscia, rispondo raccontando quello che è successo a me: i capelli e le sopracciglia ricrescono alla fine della terapia, anzi, di solito sono più folti e più forti di prima, anche se nei primi tempi possono essere crespi e vanno un po’ curati.

I miei, poi, erano pazzeschi!” Prendersi cura di se stesse, andare dal parrucchiere e vedersi più belle con una capigliatura in ordine (anche se “prestata”), è di grande aiuto in un momento in cui la malattia altera in modo evidente l’aspetto esteriore della persona. Anche una cosa semplice, come lavare o mettere in piega una parrucca, può essere un ostacolo e una cosa in più da fare, che affatica e imbarazza. Il fatto di potersi affidare a mani amiche e competenti, senza dover mostrare ad altri la propria fragilità, può fare la differenza.

Per questo Francesca ha messo a disposizione se stessa e una parte del suo negozio. “E’ una piccola cosa, ma posso farla, e quindi la faccio”, replica Franci, con il sorriso di chi si muove per impulso del cuore. E la scelta è davvero dettata dall’amore perché lo spazio avrebbe potuto essere utilizzato in modo economicamente più redditizio, come un’area benessere, o per l’estetica o altro ancora, in tempi in cui, per quanto il negozio sia sempre molto frequentato, anche Francesca e Vicky hanno il loro bel daffare per far quadrare i conti alla fine del mese.

Questo ambiente è stato decorato in modo allegro, ispirato alle camerette dei bambini, con pareti disegnate e gadget fiabeschi applicate alle poltroncine. “Vicky ed io veniamo qui anche per tagliare i capelli ai bambini. Spesso i piccoli hanno paura del parrucchiere: qui trovano un ambiente colorato e giocoso. A volte, se accompagnano la mamma a farsi la tinta o la piega, chiedono di poter andare lì a giocare o a fare i compiti, utilizzando il tavolino che abbiamo messo a disposizione”.

Infine, Francesca esprime un desiderio, che rappresenta anche il motivo per cui ha accettato di raccontare la sua storia a Tgcom24. “Vorrei che, vedendo la mia idea, qualcuno la copiasse e facesse come me. Perché le persone che hanno bisogno di aiuto sono davvero tante. E più siamo a dare una mano, meglio è”.
Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Chiudi

Rilevato Adblock

Per favore considera di supportarci disattivando il tuo ad blocker