AttualitàLeggi & Fisco

REFERENDUM COSTITUZIONALE

Il taglio dei parlamentari smantellerà la democrazia rappresentativa?

Di Guido Sparvieri

Nel 1948 quando entrò in vigore la Costituzione italiana, gli articoli 56 e 57 non individuavano un numero massimo di parlamentari da eleggere, poiché era prevista l’elezione di un deputato ogni 80.000 abitanti o per frazione superiore a 40.000, mentre per ciascuna regione era assegnato un senatore ogni 200.000 abitanti o per frazione superiore a 100.000, con un minimo di sei senatori per ogni regione e massimo un solo senatore per la Valle d’Aosta.

L’attuale assetto Parlamentare è stato definito alla fine della terza legislatura, nel 1963, che modificò gli articoli 56, 57 e 60 della Costituzione, fissando a 630 il numero dei deputati e a 315 il numero dei senatori e la durata della legislatura a 5 anni per entrambe le Camere.

Il quarto referendum costituzionale nella storia della Repubblica Italiana (nel 2001, 2006 e 2016 i precedenti) avrà luogo il 29 marzo 2020, il quesito è il seguente:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie generale – n° 240 del 12 ottobre 2019?».

In sintesi andrà a cambiare l’attuale composizione del Parlamento, passando da 950 a 600 parlamentari, stabilendo, inoltre, il numero massimo di Senatori a vita che il Presidente della Repubblica può nominare (cinque).

Nello specifico è stato designato un passaggio dei Deputati dagli attuali 630 a 400, e quelli eletti nella circoscrizione estero da 12 a 8; dei Senatori dagli attuali 315 a 200, e quelli eletti nella circoscrizione estero da 6 a 4, e il numero minimo di ogni senatore si abbassa da 7 a 3.

Prima di rispondere “Sì” o “No” al quesito referendario, cerchiamo di valutare i pro e contro, specie i più citati dai nostri politici:

PRO CONTRO
Risparmio di 100 milioni all’anno Il vero risparmio non è nel taglio delle poltrone,

ma è nella riduzione degli stipendi

Parlamento più snello Perdita della rappresentanza territoriale

 

Le operazioni di voto si svolgeranno nella sola giornata di domenica 29 marzo dalle ore 7.00 alle ore 23.00

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
Chiudi

Rilevato Adblock

Per favore considera di supportarci disattivando il tuo ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: