fbpx
DonneSalute

Perimenopausa: i primi sintomi verso la menopausa

Quali sono i segni della perimenopausa? Hai 40 anni, ti svegli sudando di notte e le tue mestruazioni sono irregolari e spesso accompagnate da forti emorragie: è probabile che tu stia attraversando la perimenopausa. Molte donne sperimentano una serie di sintomi mentre i loro ormoni cambiano durante i mesi o gli anni che precedono la menopausa, cioè la fine naturale delle mestruazioni. La menopausa è un punto nel tempo, ma la perimenopausa ( peri , greco per “intorno” o “vicino” + menopausa) è uno stato di transizione esteso. A volte viene anche definita transizione menopausale, sebbene tecnicamente la transizione termini 12 mesi prima della perimenopausa (vedere “Fasi dell’invecchiamento riproduttivo” di seguito).

Cos’è la perimenopausa?

La perimenopausa è stata variamente definita, ma gli esperti generalmente concordano sul fatto che inizia con cicli mestruali irregolari – grazie al declino della funzione ovarica – e termina un anno dopo l’ultimo periodo mestruale.

La perimenopausa varia notevolmente da una donna all’altra. La durata media è di tre o quattro anni, anche se può durare solo pochi mesi o estendersi fino a un decennio. Alcune donne si sentono colpite da vampate di calore e spazzate via da periodi pesanti; molti non hanno sintomi fastidiosi. I periodi possono terminare più o meno bruscamente per alcuni, mentre altri possono avere le mestruazioni irregolari per anni. Fortunatamente, con l’aumentare delle conoscenze sull’invecchiamento riproduttivo, sono aumentate le opzioni per trattare alcune delle sue caratteristiche più angoscianti.

Perimenopausa ed estrogeni

I cambiamenti fisici della perimenopausa sono radicati nelle alterazioni ormonali, in particolare nelle variazioni del livello di estrogeni circolanti.

Durante i nostri anni riproduttivi di punta, la quantità di estrogeni in circolazione aumenta e diminuisce in modo abbastanza prevedibile durante il ciclo mestruale. I livelli di estrogeni sono ampiamente controllati da due ormoni, l’ormone follicolo-stimolante (FSH) e l’ormone luteinizzante (LH). L’FSH stimola i follicoli, le sacche piene di liquido nelle ovaie che contengono le uova, a produrre estrogeni. Quando gli estrogeni raggiungono un certo livello, il cervello segnala all’ipofisi di spegnere l’FSH e produrre un’ondata di LH. Questo a sua volta stimola l’ovaio a rilasciare l’uovo dal suo follicolo (ovulazione). Il follicolo avanzato produce il progesterone, oltre agli estrogeni, in preparazione alla gravidanza. Quando questi livelli ormonali aumentano, i livelli di FSH e LH diminuiscono. Se la gravidanza non si verifica, il progesterone cade, si verificano le mestruazioni e il ciclo ricomincia.

Vampate di calore durante la perimenopausa

La maggior parte delle donne non si aspetta di avere vampate di calore fino alla menopausa , quindi può essere una grande sorpresa quando si presentano prima, durante la perimenopausa. Le vampate di calore – a volte chiamate vampate di calore e dato il nome scientifico di sintomi vasomotori – sono il sintomo più comunemente riportato di perimenopausa. Sono anche una caratteristica regolare della menopausa improvvisa dovuta a un intervento chirurgico o al trattamento con alcuni farmaci, come i farmaci chemioterapici.

Le vampate di calore tendono a manifestarsi rapidamente e possono durare da uno a cinque minuti. Hanno una gravità che va da un fugace senso di calore alla sensazione di essere consumati dal fuoco “dall’interno verso l’esterno”. Una forte vampata di calore può indurre arrossamento del viso e della parte superiore del corpo, sudorazione, brividi e talvolta confusione. Avere uno di questi in un momento inopportuno (come durante un discorso, un colloquio di lavoro o un intermezzo romantico) può essere piuttosto sconcertante. La frequenza delle vampate di calore varia notevolmente. Alcune donne ne hanno alcuni nel corso di una settimana; altri possono sperimentare 10 o più durante il giorno, più alcuni di notte.

La maggior parte delle donne americane ha vampate di calore durante il periodo della menopausa, ma studi di altre culture suggeriscono che questa esperienza non è universale. Molte meno donne giapponesi, coreane e del sud-est asiatico riferiscono di avere vampate di calore. Nella penisola messicana dello Yucatan, le donne sembrano non averne affatto. Queste differenze possono riflettere variazioni culturali nelle percezioni, semantica e fattori di stile di vita, come la dieta.

Sebbene la fisiologia delle vampate di calore sia stata studiata per più di 30 anni, nessuno è sicuro del perché o del come si verificano. Gli estrogeni sono coinvolti – se non lo fosse, la terapia con estrogeni non allevierebbe i sintomi vasomotori così come fa – ma non è tutta la storia. Ad esempio, i ricercatori non hanno trovato differenze nei livelli di estrogeni nelle donne che hanno sintomi di vampate di calore e in quelle che non lo fanno. Una migliore comprensione delle cause delle vampate di calore in perimenopausa potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti non ormonali. La terapia ormonale calma le vampate di calore, ma non è priva di rischi.

Verso la fine degli anni ’30, non produciamo tanto progesterone. Anche il numero e la qualità dei follicoli diminuisce, causando un calo della produzione di estrogeni e un minor numero di ovulazioni. Di conseguenza, verso i 40 anni, la durata del ciclo e il flusso mestruale possono variare e le mestruazioni possono diventare irregolari. Gli estrogeni possono cadere precipitosamente o aumentare più del normale. Nel tempo, i livelli di FSH aumentano nel vano tentativo di spingere le ovaie a produrre più estrogeni.

Sebbene un FSH elevato possa essere un segno che la perimenopausa è iniziata, una singola lettura di FSH non è un indicatore affidabile perché i livelli ormonali giornalieri possono oscillare notevolmente.

Sintomi della perimenopausa

Può essere difficile distinguere i sintomi a base ormonale della perimenopausa da cambiamenti più generali dovuti all’invecchiamento o a eventi comuni di mezza età, come i bambini che escono di casa, i cambiamenti nelle relazioni o nelle carriere o la morte o la malattia dei genitori. Data la gamma di esperienze delle donne sulla perimenopausa, è improbabile che i sintomi dipendano solo dalle fluttuazioni ormonali.

  • Vampate di calore e sudorazioni notturne. Si stima che il 35% –50% delle donne in perimenopausa soffra di improvvise ondate di calore corporeo con sudorazione e vampate che durano 5-10 minuti, spesso di notte e durante il giorno. Tipicamente iniziano nel cuoio capelluto, viso, collo o petto e possono differire notevolmente tra le donne che li hanno; alcune donne si sentono solo leggermente calde, mentre altre finiscono per strizzarsi bagnate. Le vampate di calore spesso continuano per un anno o due dopo la menopausa. Fino al 10% delle donne persistono per anni oltre.
  • Secchezza vaginale. Durante la tarda perimenopausa, la diminuzione dei livelli di estrogeni può far diventare il tessuto vaginale più sottile e più secco. La secchezza vaginale (che di solito peggiora dopo la menopausa) può causare prurito e irritazione. Può anche essere una fonte di dolore durante il rapporto, contribuendo a un calo del desiderio sessuale nella mezza età.
  • Problemi di sanguinamento uterino. Con meno progesterone per regolare la crescita dell’endometrio, il rivestimento uterino può diventare più spesso prima di essere versato, provocando periodi molto pesanti. Inoltre, i fibromi (tumori benigni della parete uterina) e l’endometriosi (la migrazione del tessuto endometriale ad altre strutture pelviche), entrambi alimentati dagli estrogeni, possono diventare più fastidiosi.
  • Disturbi del sonno. Circa il 40% delle donne in perimenopausa ha problemi di sonno. Alcuni studi hanno mostrato una relazione tra sudorazioni notturne e disturbi del sonno; altri no. Il problema è troppo complesso per dare la colpa solo alle oscillazioni ormonali. I cicli del sonno cambiano con l’avanzare dell’età e l’insonnia è un disturbo comune legato all’età in entrambi i sessi.
  • Sintomi dell’umore. Le stime mettono il numero di donne che manifestano sintomi dell’umore durante la perimenopausa al 10% –20%. Alcuni studi hanno collegato gli estrogeni alla depressione durante la transizione della menopausa, ma non ci sono prove che la depressione nelle donne di mezza età rifletta il calo dei livelli ormonali. In effetti, le donne hanno effettivamente un tasso di depressione inferiore dopo i 45 anni rispetto a prima. È inoltre improbabile che i cambiamenti ormonali legati alla menopausa rendano le donne ansiose o cronicamente irritabili, sebbene l’imprevedibilità della perimenopausa possa essere stressante e provocare alcuni episodi di irritabilità. Inoltre, alcune donne possono essere più vulnerabili di altre ai cambiamenti di umore legati agli ormoni. I migliori predittori dei sintomi dell’umore nella mezza età sono lo stress della vita, la cattiva salute generale e una storia di depressione.
  • Altri problemi. Molte donne lamentano problemi di memoria a breve termine e difficoltà di concentrazione durante il passaggio alla menopausa. Sebbene gli estrogeni e il progesterone agiscano nel mantenimento delle funzioni cerebrali, ci sono troppo poche informazioni per separare gli effetti dell’invecchiamento e dei fattori psicosociali da quelli legati ai cambiamenti ormonali.

Cosa fare in caso di sintomi della perimenopausa

Sono stati studiati diversi trattamenti per la gestione dei sintomi perimenopausali. Sono disponibili anche terapie complementari, ma la ricerca su di esse è limitata ei risultati sono incoerenti.

  • Sintomi vasomotori.La prima regola è evitare possibili inneschi di vampate di calore, che includono temperature dell’aria calda, bevande calde e cibi piccanti. Conosci meglio i tuoi trigger. Vestiti a strati in modo da poterti togliere i vestiti se necessario. Ci sono prove evidenti che la respirazione stimolata, una tecnica di respirazione profonda, aiuta ad alleviare le vampate di calore. Il trattamento più efficace per forti vampate di calore e sudorazione notturna è l’estrogeno. A meno che tu non abbia subito un’isterectomia, probabilmente dovrai prendere un progestinico per ridurre il rischio di sviluppare il cancro dell’endometrio. Estrogeni a basso dosaggio per pillola o cerotto – ad esempio, dosi inferiori o uguali a 0,3 milligrammi (mg) di estrogeno equino coniugato, 0,5 mg di estradiolo micronizzato orale, 25 microgrammi (mcg) di estradiolo transdermico (cerotto) o 2,5 mcg di etinile estradiolo – funziona per molte donne.
  • Irregolarità ormonali. Se hai bisogno di contraccezione e non fumi, puoi prendere pillole anticoncezionali a basso dosaggio fino alla menopausa (vedi “Mestruazioni irregolari e forti emorragie”). Un altro vantaggio di queste pillole è che regolano le mestruazioni e sopprimono gli alti e bassi ormonali irregolari della perimenopausa; alcune donne riferiscono di sentirsi più equilibrate mentre le assumono.
  • Gravi vampate di calore. Le donne con forti vampate di calore che non vogliono o non possono prendere una terapia ormonale possono ottenere un certo sollievo dai nuovi antidepressivi come Effexor (venlafaxina) o alcuni inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), ad esempio Prozac (fluoxetina) e Paxil (paroxetina); il farmaco contro l’epilessia Neurontin (gabapentin); o clonidina, un farmaco per la pressione sanguigna. Alcuni di questi farmaci hanno effetti collaterali che possono limitarne l’utilità. Inoltre, alcuni SSRI possono interferire con il metabolismo del tamoxifene in alcune donne.
  • Periodi irregolari e forti emorragie. Se hai un’emorragia irregolare e non vuoi rimanere incinta, le pillole anticoncezionali a basso dosaggio sono una buona scelta. Sopprimendo l’ovulazione, modulano il flusso mestruale, regolano i periodi e stabilizzano l’endometriosi. Proteggono anche dai tumori dell’endometrio e delle ovaie, evitano le vampate di calore, riducono la secchezza vaginale e prevengono la perdita ossea. Se hai un’emorragia anormale, come un’emorragia quotidiana o molto abbondante, consulta il tuo ginecologo.
    I contraccettivi orali possono essere assunti fino alla menopausa. Per determinare se hai raggiunto la menopausa, il tuo medico può ordinare un esame del sangue del tuo livello di FSH, preso dopo sette giorni senza pillola. Ma l’unica misura del tutto affidabile è di 12 mesi senza ormoni senza un periodo mestruale.
  • Secchezza vaginale. I contraccettivi a basso dosaggio o gli estrogeni vaginali (in una crema, un anello, una compressa o un gel) possono aiutare ad alleviare la secchezza vaginale, ma il trattamento ormonale non è l’unico approccio. Gli idratanti vaginali come Replens, applicati due volte alla settimana, aumentano l’umidità, l’elasticità e l’acidità vaginali. Anche l’attività sessuale continua sembra migliorare il tono vaginale e aiuta a mantenere l’ambiente acido che la protegge dalle infezioni. Lubrificanti come KY Jelly, Astroglide e KY Silk-E possono rendere il rapporto meno doloroso.

Fonte: https://www.health.harvard.edu/womens-health/perimenopause-rocky-road-to-menopause

Disclaimer: Nessun contenuto di questo sito, indipendentemente dalla data, dovrebbe mai essere utilizzato come sostituto del consiglio medico diretto del proprio medico o di un altro medico qualificato.

Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
× Come possiamo aiutarti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: