fbpx
AmbienteAttualità

Al via l’iniziativa “Dogs@Work” di Boehringer Ingelheim nei nuovissimi uffici di Milano per vivere al meglio l’orario di lavoro

In occasione della Giornata Mondiale del cane in ufficio, Boehringer Ingelheim lancia l’iniziativa Dogs@Work nei suoi nuovissimi uffici di Milano.

La nuova sede dell’azienda in via Vezza d’Oglio 3 ospiterà dunque a partire dal 24 giugno degli inquilini molto speciali: gli amici a 4 zampe dei dipendenti.

“Progettati per favorire la collaborazione e la socializzazione tra le persone i nostri nuovi uffici sono, oggi, anche una perfetta concretizzazione della filosofia ONE HEALTH.” – Spiega Morena Sangiovanni, Presidente di Boehringer Ingelheim.

“Il concetto di salute degli uomini, degli animali e dell’ambiente legate da un unico filo conduttore trova il suo naturale completamento nella condivisione di spazi e momenti di vita che vadano al di là della quotidiana passeggiata al parco con il cane; con Dogs@Work abbiamo voluto dare un messaggio, favorendo la costruzione di un rapporto empatico che, siamo certi, avrà numerosi riflessi positivi su tutti i collaboratori”. 

Più in generale, numerosi studi dimostrano che portare il cane in ufficio implica un miglioramento del morale delle persone, un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata, migliori relazioni lavorative. 

Secondo Antonio Barge, HR Director di Boehringer Ingelheim: “la presenza dei cani in ufficio innesca una maggiore disponibilità, abbatte le barriere di comunicazione, migliora i sentimenti di comunità e incoraggia l’interazione tra i collaboratori”.

Non sembrano esserci dubbi sul fatto che i cani facciano bene sotto ogni punto di vista: è ormai risaputo ad esempio che la vicinanza con il proprio animale è in grado di ridurre lo stress, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

L’iniziativa Dogs@Work è inoltre allineata con la sempre più crescente sensibilità degli Italiani sul ruolo sociale degli animali domestici.

Secondo il rapporto Assalco – Zoomark 2021, il 96% dei proprietari considera il proprio animale un membro della famiglia a tutti gli effetti.

Una percentuale altissima, certamente consolidata dal difficile periodo di pandemia, ma che ora ha bisogno di trovare un segnale di continuità anche fuori di casa; iniziative come quella di Boehringer Ingelheim vanno in questa direzione, lanciando un segnale forte: il nostro benessere, oggi e in futuro, dipende sempre più da quello degli animali che ci stanno vicino, magari accucciati sotto la nostra scrivania.

Dogs@Work è stato implementato seguendo il programma e i principi della Pets at Work Alliance di Purina, lanciata nel 2017 con l’obiettivo di supportare concretamente le aziende italiane, e non solo, nella creazione di ambienti di lavoro pet-friendly, per accogliere i cani in ufficio nella totale sicurezza degli animali e delle persone e vivere a pieno i benefici della relazione uomo-pet.

Boehringer Ingelheim adotta una pet policy che stabilisce regole e procedure per una sana convivenza tra dipendenti e animali. Così, per poter accedere agli uffici, in spazi dedicati, il cane deve essere in regola con le vaccinazioni e con il trattamento antiparassitario.  Per accedere ai tornelli all’ingresso, sia i dipendenti sia i loro pet devono aver superato il test di “compatibilità”, ottenendo il Patentino del Buon Conduttore Cinofilo, rilasciato da un educatore professionista, in grado di valutare la qualità del rapporto tra proprietario e animale, ma anche la capacità di gestire i comportamenti del proprio cane in un ambiente urbano e in una comunità.

Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
× Come possiamo aiutarti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: