fbpx
CalcioMalattieNewsSalute

Il 2023 inizia col piede sbagliato, addio a Gianluca Vialli

Anche stavolta la malattia purtroppo vince, dopo Mihajlovic anche Vialli

A distanza di poco tempo ci hanno lasciato Sinisa Mihajlovic e Gianluca Vialli, persone abituate a sfidare qualsiasi problema che ostacoli la loro strada, a tirare fuori la grinta e a trovare dentro di sé la forza per combattere. Il tutto con l’intelligenza e la consapevolezza che dinanzi a “certe partite” non si gioca quasi mai ad armi pari purtroppo. Tutte le patologie diversificano nella loro difficoltà; come nel calcio ci sono la Serie A, la Serie B e la Lega Pro (la vecchia Serie C), anche tra le patologie medesime ci sono categorie. Non incide la forza di una squadra o la potenza del club in questo caso, ma l’entità della malattia stessa e chi la patisce non può nulla.

Addio a Gianluca Vialli, un’epifania non proprio così felice

Malgrado ci si impegna con tutta la forza, la positività e la rassegnazione ad accettare quanto purtroppo si trova a fronteggiare, il tumore vince quasi sempre il suo campionato. Si crea una situazione in cui la persona stessa implicata in questa brutta storia, resta col fiato sospeso fino all’ultimo, auspicando di farcela e contestualmente accettando di avviarsi nell’unica strada che conduce questa triste vicenda. Sono andati via due giovanotti di cinquantatré anni (Sinisa) e cinquantotto anni (Gianluca), non è giusto. Non è giusto andarsene a causa di demoni come le malattie, le quali perseguitano sempre un po’ tutti. La befana oggi ha steccato di brutto.

Un'eredità che vale una vita
Mostra di più

Articoli correlati

Back to top button
× Come possiamo aiutarti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: