Economia e scuola

Si parla di: XVI Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole; La scienza si impara all’aperto

XVI Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole
Si muovono con ordine, conoscono le istruzioni in caso di rischio, e si aiutano a vicenda quando sopraggiunge il pericolo. Sono i giovani dell’istituto comprensivo Radice-Ovidio di Sulmona protagonisti dello spot ‘Prepariamoci’, promosso da Cittadinanzattiva in occasione della XVI Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole. Per l’evento, realizzato con la collaborazione del Dipartimento nazionale della Protezione Civile e del Miur, sono stati messi a disposizione dei ragazzi e delle famiglie due manifesti dedicati al rischio sismico e al rischio alluvione, accompagnati dal video-tutorial ‘Prepariamoci’, in cui sono gli stessi bambini a dettare le regole della sicurezza.

La Banca d’Italia per le scuole
Costruttiva ma anche piacevole, suggestiva, interessante, utile e prestigiosa. È così che i ragazzi descrivono l’alternanza scuola-lavoro in Banca d’Italia, la banca centrale italiana che ha aperto le porte di Palazzo Koch ai giovani studenti romani. Anche quest’anno la Banca d’Italia ospita gli studenti nelle sue sedi per avvicinare i ragazzi al mondo dell’economia. Per loro è stato costruito un nuovo alfabeto in grado di rendere accessibili le nozioni complesse dell’economia. Quest’anno saranno 177 i percorsi di alternanza dedicati ai ragazzi, per un totale di circa 1750 studenti ospitati nelle filiali della Banca sul territorio e nelle strutture dell’amministrazione a Roma.

La scienza si impara all’aperto
Non esiste cattivo tempo ma solo cattivo equipaggiamento. In occasione della Giornata mondiale dei diritti dei bambini e degli adolescenti, si è svolta la settima edizione del ciclo di incontri, spettacoli e mostre intitolato “Bologna, città delle Bambine e dei Bambini”. Per la sesta volta uno dei temi affrontati riguarda la didattica outdoor. Il Comune di Bologna in collaborazione con Università degli Studi di Bologna, Università degli Studi Milano-Bicocca, il Consiglio Nazionale delle Ricerche e le tante realtà educative e culturali bolognesi ha scelto di approfondire la connessione tra educazione all’aperto ed educazione scientifica. Un’idea di didattica, quella nella natura, vista come diritto alla capacità di problem solving, all’accettazione del rischio alla capacità di affrontarlo positivamente. Aprirsi all’esterno dunque, esplorare ciò che è fuori per metterlo in connessione con ciò che è dentro di noi.

A Portici le nuove frontiere del liceo classico
Se un tempo il liceo classico era una delle poche alternative degli studenti, oggi deve vedersela con numerosi percorsi di studio. Per questo e’ necessario un rinnovamento, che guardi alla società attuale e al mondo che cambia. Ed è l’obiettivo che si pone, dalla sua istituzione, la Rete dei licei classici che in una serie di seminari in tutta Italia si incontra per confrontarsi sulle nuove possibilità e sulle best practice dei diversi istituti. Il quarto incontro- organizzato dal liceo Quinto Orazio Flacco di Portici (Napoli)– è stato dedicato all’uomo e alla visione scientifica della natura. Negli spazi del museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, un centinaio di docenti hanno ascoltato gli interventi degli esperti per poi suddividersi nel pomeriggio nei tavoli di lavoro dedicati alla didattica integrata, alla didattica per competenze e ai percorsi a carattere scientifico e di orientamento.

Tra i banchi si parla di tratta in chiave giornalistica
Il fenomeno delle nuove forme di tratta degli esseri umani, al centro del progetto che coinvolge una rete di dieci scuole della provincia di Trapani e Lampedusa, viene affrontato nelle aule attraverso le forme del giornalismo. L’istituto comprensivo Garibaldi-Giovanni Paolo II, di Salemi-Gibellina, capofila del progetto, ha dato avvio al corso coordinato dall’agenzia di stampa Dire che ha l’obiettivo di incentivare la produzione di elaborati da parte degli stessi studenti, nei panni di giornalisti in erba. Teoria e pratica, testimonianze di vita in classe con i compagni stranieri; e’ cosi’ che la loro voce diventa elemento di completezza di un quadro ampio che intende concretizzare le linee guida, definite nel Piano nazionale d’azione contro la tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani, adottato dal Consiglio dei ministri nel 2016.

I diritti dei ragazzi
Il 20 novembre di ogni anno si celebra la giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ecco quali sono per i ragazzi i diritti fondamentali.


DALLE SCUOLE

Istituto Gaslini-Meucci di Genova
Gli studenti hanno realizzato un modellino del Ponte Morandi ricostruito con due mani che si stringono, al posto della parte di ponte mancante, di quel pezzo che è crollato.

Liceo Telesio di Cosenza
Gli studenti hanno preso parte al progetto “Questo non è amore”, realizzato dalla Polizia di Stato.

Istituto Ruiz di Agusta
E’ l’Istituto Superiore Gaetano Arangio Ruiz di Augusta (Siracusa) la scuola più interculturale d’Italia del 2018. A decretare questo prezioso riconoscimento è stata l’Associazione Intercultura .

Istituto Gassman di Roma
Luca Serianni, che ha guidato la commissione che preparerà le nuove tracce di italiano dell’esame di maturità 2019, ha incontrato i docenti di lettere per chiarire le nuove impostazioni della prima prova dell’esame di Stato.

Fonte «Agenzia DIRE» «www.dire.it»

Leggi anche:

La lezione digitale: utilizzare le Tic in classe

Tags
Mostra di più

Articoli correlati

Chiudi

Rilevato Adblock

Per favore considera di supportarci disattivando il tuo ad blocker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: